Notizie di novembre dal Parlamento europeo

Stampa
Creato Martedì, 12 Novembre 2019 Ultima modifica il Mercoledì, 04 Dicembre 2019

18 novembre 2019 - Violenza contro le donne negli Stati membri e migliori pratiche

 

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne 2019, la FEMM (Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere) del parlamento europeo terrà un'audizione dedicata all'analisi dello stato della violenza contro le donne (VAW) nell'UE e allo scambio delle migliori pratiche per combatterla.

L'evento inizierà con una panoramica degli strumenti legali internazionali nella lotta contro il VAW ( violence against women). Continuerà con una sessione che analizzerà più da vicino casi specifici delle azioni degli Stati membri contro VAW. L'audizione includerà il lancio della "Guida alla valutazione del rischio e alla gestione del rischio di violenza da parte dei partner contro le donne per la polizia".

 

Link al programma dell'audizione

 

19 novembre 2019 Libia: gli eurodeputati valutano la situazione nei centri di detenzione e il ruolo della guardia costiera

 

Le condizioni nei centri di detenzione libici e le procedure utilizzate dalla guardia costiera del paese per i soccorsi in mare saranno al centro di un dibattito della commissione giovedì.

I deputati della commissione per le libertà civili, la sottocommissione per i diritti umani e la delegazione per le relazioni con i paesi del Maghreb valuteranno le condizioni cui sono esposti i migranti in Libia alla luce della situazione generale nel paese, con i rappresentanti del servizio europeo per l'azione esterna e dell'Europa Commissione.

In una seconda sessione, approfondiranno ciò che sta accadendo nei centri di detenzione e analizzeranno le procedure utilizzate dalla guardia costiera libica durante il rimpatrio dei migranti soccorsi in mare, sulla base delle testimonianze di rappresentanti di UNHCR, IOM, Médecins sans Frontières e International Rescue Committee.

Sfondo:

Secondo l'UNHCR, la Libia ospita oltre 45.000 rifugiati e richiedenti asilo registrati, oltre a centinaia di migliaia di sfollati interni a causa della violenza e dell'instabilità nel paese, e migranti non registrati, per lo più africani,. Più di 4.400 rifugiati e migranti sono attualmente detenuti nei centri di detenzione, a volte colpiti da attacchi aerei mortali.

Finora nel 2019, lo IOM stimache 9.944 persone abbiano raggiunto l'Italia dalla Libia, mentre 695 persone sono morte nel tentativo di attraversare e 8.309 sono state rimpatriate nel paese.

Nel quadro della task force UA-UE-ONU, l'UE sta contribuendo agli sforzi delle agenzie delle Nazioni Unite per spostare le persone fuori dalla Libia. Da settembre 2017, oltre 4.000 persone sono state evacuate, principalmente in Niger (in attesa di un ulteriore reinsediamento) ma anche in Italia, Romania e ultimamente in Ruanda.

 

27 novembre 2019 “Dio è donna e si chiama Petrunya” vince il Premio Lux 2019

 

Il Presidente David Sassoli ha annunciato mercoledì a Strasburgo il vincitore del 13° Premio Lux per il cinema: “Dio è donna e si chiama Petrunya”, di Teona Mitevska.

Congratulandosi con i tre finalisti, il Presidente David Sassoli ha dichiarato:

“Non sempre è facile affrontare le complessità del nostro lavoro quotidiano senza cadere nei tecnicismi delle nostre attività parlamentari. Dobbiamo comunicare anche le emozioni, dobbiamo utilizzare nuovi linguaggi. E il Premio Lux è uno strumento straordinario per accompagnarci in questo terreno. Trattare di immigrazione, di diritto alla salute, di femminismo o di etica politica attraverso i film che il Premio Lux promuove, è un’opportunità che dobbiamo cogliere. Affrontare l’emergenza climatica, il nostro passato coloniale, o discutere del nostro modello di società tramite il cinema, è una sfida stimolante, da incoraggiare. Siamo l’unico Parlamento al mondo che conferisce un premio per il cinema. Cerchiamo di esserne orgogliosi.”

Ha poi aggiunto: "voglio ripeterlo ancora una volta: del Premio Lux, il premio di questo nostro Parlamento, dei registi e autori che abbiamo avuto l’onore di conoscere, dobbiamo essere particolarmente fieri ed orgogliosi. Lunga vita alla libertà d’espressione, lunga vita al cinema europeo, lunga vita al Premio Lux”.

 

28 novembre 2019 Gruppo di lavoro sulla violenza contro le donne

 

Nel 2015, FEMM ha lanciato un gruppo di lavoro (WG) su "La violenza contro le donne" per offrire un forum per uno scambio regolare di opinioni e la formulazione di una strategia generale nell'area. Il gruppo di lavoro è composto da un membro per gruppo politico e si riunisce regolarmente. Il suo obiettivo strategico è la campagna per l'adozione e la ratifica della Convenzione di Istanbul da parte di tutti i suoi Stati membri (SM) e dell'UE, attraverso uno scambio di opinioni sulle migliori pratiche negli Stati membri e la pianificazione di un evento o campagna annuale del PE .

Visite: 121