Notizie di febbraio e marzo dal Parlamento europeo

Stampa
Creato Mercoledì, 04 Marzo 2020 Ultima modifica il Mercoledì, 04 Marzo 2020

Giornata internazionale della donna 2020

 

Il 5 marzo 2020, FEMM, la Commissione del Parlamento europeo per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere, in collaborazione con la direzione per le relazioni con i parlamenti nazionali, organizzerà una riunione interparlamentare della commissione sul "25 ° anniversario della dichiarazione di Pechino e della piattaforma d'azione". L'evento si svolgerà presso il Parlamento europeo a Bruxelles, dalle 09:00 alle 12:30.

Seguendo la tradizione di celebrare la Giornata internazionale della donna come evento speciale, il Comitato ripercorre i progressi compiuti in materia di parità di genere e anticipa le sfide future. Il tema scelto dell'evento offre ai partecipanti l'opportunità di fare il punto sui risultati e le migliori pratiche, nonché sulle sfide rimanenti di questa importante agenda per l'emancipazione delle donne al fine di accelerare la realizzazione dell'uguaglianza di genere e l'emancipazione di tutte le donne e ragazze entro il 2030.

 

Comunicato stampa 13 -02 -2020 Diritti delle donne: i deputati chiedono un'azione per contrastare i contraccolpi contro la parità di genere

 

  • I deputati stabiliscono le priorità per l'imminente Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne
  • Chiedere all'UE di agire con forza contro tutte le misure che minano i diritti delle donne

In vista della 64a Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne (UNCSW64) a New York a marzo, il Parlamento ha precisato le sue priorità giovedì.

In una risoluzione adottata con 463 voti a favore, 108 contrari e 50 astensioni, i deputati deplorano che molte delle sfide individuate dalla Dichiarazione di Pechino e dalla Piattaforma di azione 25 anni fa siano ancora oggi rilevanti.

Invitano il Consiglio a garantire una posizione unificata dell'UE e ad agire per contrastare la reazione contro l'uguaglianza di genere e tutte le misure che minano i diritti delle donne.

Stabilendo le proprie priorità per la prossima sessione dell'UNCSW a marzo, i deputati chiedono misure per rafforzare l'emancipazione economica e politica delle donne:

  • una maggiore inclusione delle donne nel mercato del lavoro;
  • maggiore sostegno all'imprenditoria femminile;
  • colmare il divario retributivo di genere (16%) e il divario pensionistico (37%);
  • favorire la condivisione equa delle responsabilità domestiche e assistenziali;
  • promuovere l'educazione delle ragazze e incoraggiare una maggiore partecipazione alle carriere STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica);
  • promuovere una rappresentanza equilibrata di genere a tutti i livelli del processo decisionale, e
  • sbloccare la "Direttiva sulle donne a bordo" in seno al Consiglio.

 

Per rafforzare la protezione delle donne, l'UE dovrebbe:

  • concludere con urgenza la ratifica da parte dell'UE dellaConvenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne; 
  • allocare risorse adeguate per combattere la violenza di genere e proteggere le vittime, e
  • proteggere e promuovere i diritti dei gruppi che subiscono forme multiple e intersezionali di discriminazione, ad esempio donne con disabilità, donne di colore, donne migranti e persone LGBTIQ.

 

L'UE deve agire a livello globale:

  • promuovere e sostenere l'inclusione di un capitolo specifico sul genere in tutti i futuri accordi commerciali e di investimento dell'UE;
  • condannando la regola del "bavaglio globale" statunitense, che taglia i finanziamenti statunitensi per le organizzazioni internazionali se forniscono o fanno pressioni per i servizi di aborto;
  • sostenere in modo significativo finanziamenti per la salute e i diritti sessuali e riproduttivi, e
  • promuovere una maggiore partecipazione delle donne ai processi di azione per il clima, mantenimento della pace, consolidamento della pace e mediazione.
Visite: 74